OWSS è una società ufficialmente affiliata alla SASS
 
 
lo spirito del gioco
"The spirit of the game", così dicono i nuovi cowboy americani...
Continua
 
owss
 
la scelta dell'alias
Il CAS non è da intendersi come una competizione di precisione...
Continua
 
owss
 
le armi permesse
Nelle gare OWSS sono ammessi revolver a singola azione, fucili o carabine a leva , fucili giustapposti, fucili a pompa di disegno anteriore al 1899....
Continua
 
owss
 
l'abbigliamento
L'OWSS dà molto rilievo ai costumi perché danno valore aggiunto alle gare, creano un'atmosfera informale...
Continua
 
owss
 
le cowgirls
L'OWSS dà estrema importanza alla presenza femminile...
Continua
 
owss
 
il CAS in Europa
Per saperne di più sul CAS in Europa
                                 >>>>>
 owss
 
HTML 4.01 valido! CSS valido!
L'uso delle armi nel vecchio West
 
 
di Pat Garrett
 
 

L'iconogragia cui decenni di cinematografia western ci ha abituato è molto lontana e soprattutto meno pittoresca di quella che era la realtà dell'epoca.

I "pistoleros" che viaggiavano con due fondine al fianco praticamente sono un'invenzione dei registi.

Le foto che ritraggono i più famosi gunfighters dell'epoca armati fino ai denti, sono per lo più finzioni da studio dove si mettevano in mostra i propri costosi "gioielli" (Mettersi in posa davanti ad un fotografo era pur sempre un avvenimento straordinario).

"Wild Bill" Hickock non girava armato e "Buffalo Bill" adoperava le armi per lavoro.

Quelli che effettivamente avevano stabilmente un'arma al fianco erano gli sceriffi e i criminali.

La gente "normale" le teneva a casa, quasi sempre scariche.

Per quello che riguarda il porto o la detenzione di armi cariche, andrebbe fatta una distinzione tra le varie tipologie e soprattutto tra le varie zone.

Le monocolpo a percussione (che nelle zone di frontiera vennero usate tranquillamente fino alla fine dell'800) erano per lo più cariche ma senza capsula; per i più audaci c'era la mezza monta (per le armi che l'avevano). Ma la stragrande maggioranza delle persone (anche nelle zone più sperdute) avevano altro a cui pensare e l'uso delle armi da fuoco era tutt'altro che frequente.

Stesso discorso per i revolver ad avancarica. Chi li teneva pronti all'uso usava per lo più la mezza monta su sei camere cariche oppure posizionava il cane abbattuto sugli appositi sgusci tra un luminello e l'altro (ma le armi che l'avevano erano quelle di "classe" e quindi più costose e meno diffuse).

Rinunciare ad un colpo non era un'usanza molto in voga. Certamente si rischiava grosso ma in fondo gli avvocati di allora non erano agguerriti come quelli di adesso e a nessuno sarebbe passata per la testa l'idea di far causa al costruttore per "scarsa informazione al cliente".

Neanche nei più tardi revolver a cartuccia metallica si usava molto tenere una camera scarica, l'abitudine più diffusa era sempre quella di usare la mezza monta.

Naturalmente la situazione variava a seconda delle zone. All'Est le pistole cariche erano una rarità e comunque la maggior parte stavano chiuse in un cassetto. All'Ovest o nelle zone di frontiera l'atmosfera era spesso più "calda" e per forza di cose la armi erano molto più diffuse e a portata di mano.

Va comunque ricordato per esempio, che nella maggioranza dei bar e dei luoghi pubblici (anche in villaggi e paesi appena nati) l'autorità vietava il porto di pistole.

Per esempio, durante la costruzione della ferrovia, sia quella transoceanica sia quella in vari tronconi che più tardi andò verso il nordovest, le compagnie ferroviarie assumevano personale "professionista" di dubbia provenienza per proteggere gli operai. Queste persone erano stabilmente armate (revolver carico e pronto all'uso) e spesso più che difendere le maestranze dovevano difendersi dai creditori.

I "civili" che giravano armati erano una rarità assoluta, nè erano molti i coloni dell'ovest che risiedevano stabilmente in zone considerate a rischio.

In alcuni momenti particolari successe però che anche le donne fossero armate ma era davvero poco frequente. Fu quando, nel Montana, ci fu l'invasione delle Colline Nere dopo che si era sparsa la voce che c'era l'oro "dalle radici dell'erba in giù". Quelle zone erano state assegnate agli Indiani dal famoso trattato di Laramie i quali s'incazzarono moltissimo per questa intrusione.

Ci furono molti incidenti e morti da entrambe le parti. Fu forse uno dei pochi momenti nei quali le persone "normali" avessero le armi sempre cariche e pronte a far fuoco, sia corte che lunghe. Finché non intervenne l'Esercito a "risolvere" la situazione.

Quello che noi non possiamo nemmeno immaginare adesso, era il tremendo numero di cilecche che avvenivano con le armi ad avancarica (rarissime al cinema) e la scarsità degli scontri a fuoco tra civili che nei film sembrano avvenire due o tre volte al giorno e dappertutto!!

Soppratutto i fucili fra i coloni erano molto più diffusi delle pistole ed erano praticamente quasi sempre ad avancarica:-))

Quello che ci hanno fatto vedere a cinema con profusione di carabine a leva e colt '73 è stata una bella "coreografia" cinematografica, erano armi all'epoca costosissime e pochi potevano permettersele, i fucili ad avancarica a canna liscia erano in grande voga anche nelle nostre campagne fino agli anni attorno alla WWII, i nonni raccontavano spesso dei loro giochi da ragazzo con uno "schioppo a bacchetta".

I revolver cap'n ball sono stati usati per tantissimi anni anche dopo l'avvento dei revolver a cartuccia metallica:-)

E sopratutto l'avancarica in luoghi lontano dalla civiltà ha un innegabile vantaggio: con un po' di capsule, qualche libbra di polvere e di piombo e un blocchetto fondipalle si ha un'autonomia incredibile visto anche che il piombo veniva sempre recuperato dalle carcasse delle prede abbattute:-)) (questo è stato messo in pratica un po' in tutte le frontiere dall'ovest americano all'africa fino all'australia).

 
Copyright © 2006 OWSS
presentazione il regolamento le gare le classifiche le nostre foto gli sponsor la nostra email vai al forum home