OWSS è una società ufficialmente affiliata alla SASS
 
 
lo spirito del gioco
"The spirit of the game", così dicono i nuovi cowboy americani...
Continua
 
owss
 
la scelta dell'alias
Il CAS non è da intendersi come una competizione di precisione...
Continua
 
owss
 
le armi permesse
Nelle gare OWSS sono ammessi revolver a singola azione, fucili o carabine a leva , fucili giustapposti, fucili a pompa di disegno anteriore al 1899....
Continua
 
owss
 
l'abbigliamento
L'OWSS dà molto rilievo ai costumi perché danno valore aggiunto alle gare, creano un'atmosfera informale...
Continua
 
owss
 
le cowgirls
L'OWSS dà estrema importanza alla presenza femminile...
Continua
 
owss
 
il CAS in Europa
Per saperne di più sul CAS in Europa
                                 >>>>>
 owss
 
HTML 4.01 valido! CSS valido!

STARR 1858

IL REVOLVER PIU’ EVOLUTO DELLA GUERRA DI SECESSIONE

 
 
 
di Alameda Slim
 
 


 

 

In America, ai tempi della Guerra di Secessione, L’esercito Unionista si trovò spesso nella necessità di acquistare armi corte da chiunque ne producesse perché sia le Remington, sia la Colt, che rifornivano ai militari le armi “Ufficiali”, non erano a tutti gli effetti in grado di sopperire alle ingenti richieste della Guerra. In questo senso, tra le innumerevoli armi di ogni genere, tipo e fattura acquistate dall’esercito, un posto di riguardo meritano i Revolver STARR: furono infatti le armi “non di ordinanza” più diffuse durante l’intero conflitto.

 

EBENEZER STARR

L’ inventore di questo particolare Revolver, in grado di funzionare sia in singola che in doppia azione, fu Ebenezer Starr. Nato il 16 Agosto 1816, da una famiglia specializzata nel commercio di armi bianche e di armi da fuoco (prevalentemente destinate all’ esercito Americano), egli sviluppò una conoscenza approfondita di questo settore che gli permise di progettare anche alcune armi del tutto innovative. Per esempio, brevettò nel Gennaio del 1856 un modello con sistema a rotazione inizialmente destinato all’impiego su un’ arma tipo “pepperbox” ovvero a canne multiple. In seguito, lo stesso brevetto fu riadattato su un revolver con il sistema che impegnava un doppio grilletto: uno comandava la singola azione, l’altro il funzionamento in doppia azione.

L’opportunità di proporre le proprie armi al Dipartimento della Guerra americano avvenne il 21 gennaio 1858. In quell’occasione Starr presentò sia il modello di una nuova carabina, sia il prototipo di una nuova rivoltella, entrambi caratterizzati da doppia azione. Il governo unionista trovò molto interessanti le idee dell’inventore e gli chiese, tra l’altro, di definire e completare il progetto del revolver. Nell’autunno dello stesso anno Starr completò l’arma e la presentò al ministero della Guerra; il revolver era ottimo e l’ordine fu per una fornitura immediata di 500 pezzi.

 

Figura 1: la pistola vista dal lato destro

 

NASCE LA STARR ARMS CO.

Starr, non avendo i mezzi economici per avviare una propria azienda (necessaria alla produzione dei pezzi richiesti) decise di costituire una società avvalendosi di un gruppo di finanziatori. Di fatto, egli fu costretto a vendere i suoi brevetti, ma alla fine l’azienda meccanica Starr Arms Co., sorse in quel di New York al numero 267 della Broadway Avenue.

Depositati tutti i brevetti necessari (alcuni dei quali inerenti i congegni di funzionamento dell’arma, posti nella parte superiore del castello e sulla parte anteriore del tamburo) venne subito avviata la produzione e, in breve, furono consegnati i 500 revolver destinati all’ Ordnance Department.

Anche se, a posteriori, il Dipartimento della Guerra scoprì che le armi non erano purtroppo sufficientemente affidabili  per gli standard militari (vedremo poi perchè), la guerra di secessione venne decisamente in aiuto di Starr e, nonostante i dubbi sulle capacità di resistenza dei suoi revolver, l’esercito gliene ordinò altre 1.250.

Figura  2:Per aprire il revolver è sufficiente estrarre la spina filettata posta nella parte superiore del castello

 

Questa fu solo la seconda di una lunga serie  di ordinazioni tanto che, alla fine della Guerra, l’azienda poteva conteggiare nella sua produzione la fornitura complessiva, al futuro governo degli Stati Uniti, di 1.936 revolver in doppia azione calibro .36, 21.050 revolver in doppia azione calibro .44 e 25.002 revolver in singola azione.

Quando però, al termine della guerra di Secessione, gli ordini cessarono di colpo, la Starr fu costretta a chiudere i battenti (1867). Ebenezer Starr, in ogni caso, non abbandonò il settore armiero e continuò anzi a progettare ingegnosi sistemi di funzionamento, per ogni tipo di arma da fuoco, ancora per molti anni.

Figura 3: Particolare del sistema di apertura del castello chiamato "top break"

Figura 4:Particolare della molletta posta dietro al grilletto che discrimina  la doppia/singola azione

Figura 5: La tacca di mira e ricavata sul paraschegge del cane. Si noti la Spina filettata che permette l'apertura del castello

Figura 6:Il mirino, del tipo a lama, è inserito su un inserto a coda di rondine

 

TROPPO ALL’AVANGUARDIA

La Starr è un revolver estremamente interessante anche dal punto di vista collezionistico poiché è unica nel suo genere.

Impiega infatti un sistema di scatto a doppio grilletto: il primo serve solo ad armare il cane e far ruotare il tamburo, mentre il secondo, più piccolo e aderente alla guardia del grilletto serve a comandare l’abbattimento del cane. Il primo grilletto tramite una molletta mobile, puo’ anche comandare lo scatto del secondo grilletto; in pratica, la molletta posta dietro al primo grilletto ha un risalto: se viene tenuta in posizione abbassata, il risalto, alla fine della cosa, urta il secondo grilletto causando l’abbattimento del cane (Doppia azione); se invece la molletta viene alzata, il risalto urta il castello e di conseguenza blocca la corsa del primo grilletto senza azionare così il secondo e, per sparare, bisogna passare con il dito dal primo al secondo grilletto (Singola azione).

Tale rivoltella era purtroppo, fin troppo sofisticata e rivoluzionaria per l’epoca, infatti non fu granchè apprezzata e compresa nel suo funzionamento.I Soldati erano troppo abituati ad utilizzare armi in singola azione in cui veniva richiesto l’azionamento manuale del cane per poter sparare.Nella Starr invece, l’azionamento del cane stesso doveva avvenire solo tramite il primo grilletto, pena il più delle volte, il blocco del sistema di rotazione del tamburo; operazione che ovviamente necessitava dello smontaggio parziale del revolver, ma che era molto sconveniente nel caso di un conflitto a fuoco!

In piu’, l’ingegnoso sistema della doppia azione poteva bloccarsi a causa dei frammenti delle capsule esplose, che andavano ad interferire nella rotazione del tamburo inceppando inevitabilmente il revolver.Tali difficolta’ di comprensione, nell’utilizzo dell’arma, costrinsero Starr ad effettuare modifiche che portarono il revolver “futurista” solo in singola azione, come erano tutte le altre armi presenti sul mercato.

Attualmente il Revolver è perfettamente  “replicato” (sia nella versione ad azione mista che in singola azione) dalla Ditta FAP Pietta di Gussago (BS). Il modello a singola azione può essere utilizzato nelle gare a regolamento SASS in categoria Frontiersman

Roberto CArlotti AKA Alameda Slim OWSS #66 SASS R 71806

 
Copyright © 2006 OWSS
presentazione il regolamento le gare le classifiche le nostre foto gli sponsor la nostra email vai al forum home